0

Ceci

Il cece (Cicer arietinum L.) è una pianta erbacea della famiglia delle Fabaceae originaria dell’Asia Minore. I semi di questa pianta sono i ceci, legumi ampiamente usati nell’alimentazione umana in quanto ricchi di nutrienti preziosi per la salute. Dal punto di vista nutrizionale, infatti, rientrano nella categoria dei legumi.

Il nome deriva dal latino cicer. È noto che il cognome di Cicerone discendeva da un suo antenato che aveva una caratteristica verruca a forma di cece sul naso. L’epiteto specifico arietinum si riferisce invece alla somiglianza che hanno i semi con il profilo della testa di un ariete.

In Italia sono coltivati soprattutto in Umbria, nel Lazio, in Toscana e in Liguria, ma è un tipo di pianta erbacea molto coltivata in generale in tutta l’area del Mediterraneo. Molto diffuso è l’impiego culinario dei ceci sotto forma di farina.

Tipi di ceci

I ceci in commercio si possono trovare in diverse forme, tra cui:

  • Ceci secchi: prima di cuocerli, sarà necessario lasciarli in ammollo tutto la notte.
  • Ceci decorticati: sono stati privati del tegumento esterno e sono utili in caso di problemi intestinali o difficoltà a tollerare i legumi, in quanto più digeribili.
  • Farina di ceci: si tratta di ceci secchi ridotti in polvere, anche in questo caso, più digeribile rispetto alla forma classica. Si può utilizzare per realizzare la farinata di ceci o altri piatti gustosi.
  • Ceci lessati (o in scatola): ceci cotti e conservati in scatola, molto utili e pratici, soprattutto quando si ha poco tempo per cucinarli. Mantengono perfettamente tutte le proprietà e sarà sufficiente privarli dal liquido di governo e passarli sotto acqua corrente per allontanare il sale.

100 g di ceci secchi apportano: 316 kcal, di cui Proteine 21 g, Grassi 6,3 g, Carboidrati 47 g, Zuccheri 3,7 g, Fibra 13,6 g

100 g di ceci (cotti, nel barattolo) apportano: 135 kcal, di cui 17,7 g di carboidrati, 6,2 g di fibre, 2 g di grassi, 7,4 g di proteine.

Dato il loro alto contenuto di sostanze nutritive, i ceci sono perfetti per un’alimentazione equilibrata. Hanno pochi grassi, una bassa quantità di carboidrati e molte proteine vegetali; ecco perché danno molta energia, rendono sazi a lungo, aiutano a recuperare le forze dopo uno sforzo fisico e a ricaricarsi dopo una giornata stressante. Anche i sali minerali contenuti nei ceci, come il fosforo e il potassio, giocano un ruolo importante: aiutano a regolare il metabolismo e sostengono le funzioni muscolari. In particolare i oltre a essere ottime fonti di proteine vegetali, fibre e vitamine (soprattutto del gruppo B) e di due minerali molto importanti per il benessere dell’organismo, il magnesio e il fosforo, contengono molte saponine, sostanze utili per ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue. La quantità di acidi grassi omega 3 (soprattutto acido linoleico) in essi contenuti, inoltre, rende i ceci particolarmente salutari per il cuore.

Non sono note particolari controindicazioni, a parte casi di allergie specifici. È bene inoltre non esagerare con la quantità di ceci consumata – così come con tutti gli altri legumi – in caso di predisposizione a problemi intestinali, come la colite, che potrebbero peggiorare con il consumo di questo alimento. Se non cotti bene, i ceci possono dare maggiori difficoltà alla digestione.

Articoli correlati