0

Capelvenere Adiantum Capillus Veneris

Il capelvenere è una felce della famiglia delle Adiantaceae presente in tutte le regioni d’Italia.

È una pianta alta 10-40 centimetri, geofita rizomatosa. Il rizoma è strisciante e di colore bruno-nero. Le fronde sono leggere e delicate: a questa caratteristica si deve il riferimento alla chioma di Venere, dea della bellezza. Le foglie sono cuneiformi, lunghe 5-10 millimetri, di colore verde tenue, e si inseriscono su un sottile rachide nero e lucente. Le spore sono prodotte in strutture specializzate, chiamate sori, poste sul lato inferiore delle foglie e ricoperti da una membrana chiamata indusio. Le spore vengono rilasciate nel periodo compreso tra luglio e settembre.

Il capelvenere cresce su rocce calcaree stillicidiose e muschiose e nelle “sorgenti pietrificanti”, uno degli habitat prioritari in Europa, a volte anche su vecchie fontane in ambienti urbani, di solito al di sotto della fascia montana. Il nome generico, dal greco “a-diantos”, significa “che non si bagna”, e si riferisce alla presenza di sostanze idrofobiche sulle foglie; il nome specifico allude alle eleganti e sottili rachidi fogliari di colore nero. Periodo di sporificazione: luglio-settembre.

La pianta è stata spesso utilizzata a scopo officinale, anche se sembra sia debolmente tossica. Il Capelvenere è stato usato, nei secoli scorsi, come sostitutivo del tè, soprattutto in Piemonte da cui il sostantivo piemontese “Capilèr“, arrivato a identificare in generale qualsiasi infuso fatto con erbe aromatiche.

Principi attivi: tannini; fenoli come i derivati del canferolo quali l’adiantonetriterpenoidi; esteri solforati dell’acido idrossicinnamico; mucillaggini; gomme; piccole quantità di oli essenziali; zuccheri e acidi alicicici.

Proprietà: bechico, fluidificante, lenitivo, antinfiammatorio, digestive, diaforetiche, diuretiche, depurative

Indicazioni: Per uso interno: affezioni delle vie respiratorie (raffreddore, tosse, catarro), raucedine, afonia, bronchite, asma.

E’ di aiuto inoltre in caso di digestioni difficili in quanto agisce sul fegato potenziandone la sua funzionalità anche a livello biliare, in caso di irregolarità mestruali ne favorisce la comparsa.

E’ anche consigliato in caso di tabagismo e alcolismo in quanto riduce lo stimolo a bere e a fumare.

Per uso esterno: è un valido aiuto per la caduta dei capelli in quanto agisce sui follicoli piliferi ossigenandoli, rallentando e combattendo quindi la caduta dei capelli

Articoli correlati