0

Salmonberry (Salmonella) Rubus spectabilis

Rubus spectabilis è una specie di Rubus appartenente alla famiglia delle rose (Rosaceae), originaria della costa occidentale del Nord America, dall’Alaska centro-occidentale alla California, nell’entroterra fino all’Idaho.

Il Rubus spectabilis è un arbusto deciduo rizomatoso che cresce fino a 1–4 metri di altezza, con steli legnosi perenni (non biennali) ricoperti da minuscole spine, specialmente su nuova crescita. La pianta ha fusti eretti o arcuati di colore dorato o bruno giallastro (detti anche “canne”) che spesso formano boschetti, come molti altri rovi del genere Rubus.

Le foglie sono alterne, trifogliate (con tre foglioline), di 7–22 centimetri di lunghezza e di forma tipicamente ovata, con la fogliolina terminale più grande delle due foglioline laterali, che a volte sono poco lobate. I margini delle foglioline sono doppiamente seghettati. Anche le foglie sono stabili e sono lisce o leggermente pelose sulla superficie superiore, rispetto alla parte inferiore, che è tipicamente più pallida e pelosa.  I fiori sono color magenta vibrante; mentre i frutti, commestibili, di un brillante color arancio o rosso, maturano in estate e ricordano delle grandi more. Salmonberry è il frutto di questa pianta.

Salmonberries si trovano in foreste umide e margini di flusso, soprattutto nelle foreste costiere. Spesso formano grossi cespugli, e prosperano negli spazi aperti sotto gli stands di alder rosso. A Kodiak, Alaska, i salmonberries d’arancia sono spesso chiamati “bacche russe“. Poiché le bacche si trovano in abbondanza e sembrano molto come i lamponi, una delle isole dell’arcipelago Kodiak è chiamata Isola di lamponi.

Le bacche salmonberries maturano dall’inizio di maggio alla fine di luglio nella maggior parte del Pacifico nord-occidentale (più tardi nei climi più freddi); si presentano lunghe 1,5–2 cm e assomigliano a grandi lamponi, di colore dal giallo brillante al rosso arancio. Il frutto si stacca dal suo ricettacolo, differenziandolo dalle more.

Botanicamente parlando, il salmonberry non è una vera bacca, ma un frutto di rovo ovvero un frutto aggregato fatto di molte drupe più piccole; questi frutti mostrano un grande polimorfismo di colore, poiché le bacche sono spesso di colore rosso o giallo-arancio; sebbene sia i frutti rossi che quelli giallo-arancioni abbiano qualità fisiche simili, le bacche rosse sono più comunemente consumate dagli uccelli.

Le bacche mature sono morbide, dolci, delicate e profumate, da taluni definito “insipido “. Sono consumate al naturale, ma anche usate per preparare marmellate e galatine o aggiunte a prodotti da forno e vino. Non è una bacca coltivata, quindi è generalmente raccolta allo stato selvatico. I raccoglitori di salmonberry devono prelevare il frutto con attenzione, poiché gli steli sono spinosi e le bacche tendono a essere tenere e fragili.

Questi frutti particolari hanno un posto particolare nelle tavole tradizionali. L’akutag o aqutak — noto più comunemente come gelato eschimese — è un piatto preparato tradizionalmente dai popoli nativi dell’Alaska. Si ottiene con grassi e oli animali, bacche (anche salmonberry) e pesce. Viene quindi incorporata aria, che dona al piatto una consistenza leggera e piacevole. L’akutag è servito in occasioni speciali e fa parte della dieta indigena da migliaia di anni.

Le bacche salmonberry sono parte delle abitudini alimentari sia indigene che regionali dell’America del nord da millenni, ma a causa della regione piuttosto limitata in cui crescono non hanno mai goduto della diffusa popolarità di altre bacche. Sono tuttavia molto apprezzate dalle comunità in cui si trovano. Hanno una particolare rilevanza culturale per le popolazioni native e compaiono nella loro cucina, nel folklore e nelle pratiche medicinali.

Altri usi dei nativi americani includono:

  • Bollire le foglie con il pesce come condimento (dal popolo Nuu-chah-nulth)
  • Usando le foglie per foderare i cestini, pulire il pesce e coprire le fosse di cottura (dal popolo Kaigani Haida)
  • Usare i rami come stelo di una pipa (dal popolo Makah)
  • Masticare e sputare le foglie (o la corteccia in inverno) su un’ustione come trattamento per le loro qualità astringenti (dal popolo Quileute)
  • Bollire la corteccia in acqua di mare per creare una miscela per pulire le ferite infette (soprattutto ustioni) e ridurre i dolori del travaglio (dal popolo Quinault)

È anche ampiamente coltivata come pianta ornamentale per i suoi fiori.

Articoli correlati