0

Cipolla | Allium Cepa

Allium cepa, appartenente alla famiglia delle Alliaceae, ovvero alla stessa famiglia di aglio, erba cipollina e porro,  è il nome scientifico della più comune cipolla le cui proprietà benefiche sono note fin dall’antichità. Delle varietà bianche, gialle e rosse si utilizza principalmente il bulbo, mentre della cipolla verde si consumano anche le foglie.

Oltre alla famosa Tropea calabrese o Montoro campana, ne esistono tantissime varietà, tra cui:

  • Cipolla di Certaldo
  • Cipolla di Alife
  • Cipolla rossa d’Acquaviva
  • Cipolla di Cavasso e della Val Cosa
  • Cipolla di Giarratana
  • Cipolla bionda di Cureggio e Fontaneto
  • Cipolla bianca di Fara Filiorum Petri.

100 g di cipolla apportano circa 35 Calorie suddivise come segue: 82% carboidrati, 15% proteine. 3% lipidi. Le cipolle sono reperibili sul mercato tutto l’anno. Diverse varietà possono però essere più abbondanti in differenti periodi. Le cipolle rotonde grosse sono suddivisibili in due tipologie a seconda che siano disponibili in primavera-estate o che vengano immagazzinate. Quelle bianche, più digeribili, sono tipiche del mese di settembre.

La cipolla è ricca di acqua, zolfo, cromo  e di altri principi nutritivi: vitamine (A, B1, B2, C, PP) e sali minerali (calcio, sodio, zinco, ferro, fosforo), sostanze antibiotiche, glucochinina (ormone vegetale ipoglicemizzante), zuccheri, fibre. Tuttavia, l’aspetto più interessante per le proprietà della cipolla dal punto di vista nutrizionale è rappresentato dalla presenza di polifenoli, ottimi antiossidanti apprezzati anche in fitoterapia per la loro azione diuretica, antipertensiva, antibiotica e depurativa.

L’allium cepa deve la sua azione irritante (tanto da farci piangere), agli olii essenziali contenuti nelle sue radici che, una volta sbucciate, vanno a solleticare i condotti lacrimali generando le secrezioni nasali.

La cipolla

  • possiede proprietà antistaminiche, antipertensive, antibatteriche, antinfiammatorie e antisettiche;
  • aiuta a prevenire e contrastare congestioni nasali e respiratorie, per esempio in caso di allergie, per contrastare il raffreddore, e qualora siano presenti infiammazioni varie nell’organismo;
  • esercita una funzione depurativa e diuretica, di cui beneficiano pelle e organismo, grazie all’alto contenuto di acqua; aiuta a prevenire – e curare – infezioni alle vie urinarie e problematiche di ritenzione idrica;
  • svolge azione preventiva delle patologie cardiovascolari, contrastando l’ipertensione e problematiche correlate; favorisce l’abbassamento del colesterolo e della glicemia (poiché l’allile propile disulfide aumenta l’insulina, e stabilizza i livelli di glicemia), per cui è una valida alleata per chi soffre di diabete, ma anche per contrastare l’aterosclerosi;
  • agisce positivamente anche sulle ossa essendo ricca di calcio e grazie al contenuto di glutamil propenil cisteina sulfossido, combattendo quindi problematiche legate all’età come ad esempio l’osteoporosi;
  • potrebbe svolgere azione antitumorale, prevenendo in particolare il cancro al colon, allo stomaco e alla prostata.

Il consumo di cipolla dovrebbe essere limitato in caso di iperacidità, ernia iatale o problemi di meteorismo, per i quali è bene chiedere prima consiglio al proprio medico di fiducia.

Inoltre, è bene ricordare che durante l’allattamento, nonostante non sia sconsigliata, la cipolla potrebbe trasmettere un sapore sgradevole al latte.

Articoli correlati