Complesso B

Vitamina B14 (pirrochinolina chinone)

Complesso B

La pirrolochinolina chinone (PQQ) è un biofattore unico e innovativo, noto anche come metossatina, polvere di pirrolochinolina chinone; è una polvere bruno-rossastra solubile in acqua. Scoperta nel 2003 da scienziati giapponesi che ritenevano di aver scoperto una nuova vitamina B, ne vanno ancora definite proprietà e funzioni.

Quantità molto piccole di PQQ si trovano in varie piante, animali e esseri umani.

Il PQQ è anche un antiossidante estremamente potente in grado di catalizzare il ciclo continuo (la capacità di eseguire ripetute reazioni di ossidazione e riduzione) in misura molto maggiore rispetto ad altri antiossidanti. Ad esempio, PQQ è in grado di effettuare 20,000 conversioni catalitiche rispetto alle sole 4 della vitamina C. Si ritiene che abbia un ruolo importante nella segnalazione cellulare e nella struttura proteica. Questo integratore naturale può aumentare il dispendio energetico, ridurre i trigliceridi e alleviare la perdita neuronale e la morte cellulare caus  ata dallo stress ossidativo. Inoltre promuove funzioni cerebrali, memoria e cognizione più elevate, simili a quelle delle vitamine del gruppo B e migliora la salute generale.

Oltre ai suoi benefici antiossidanti, la pirrolochinolina chinone ha proprietà antinfiammatorie e neuroprotettive; stimola la produzione di enormi quantità di mitocondri e interagisce con le vie di segnalazione cellulare, migliorando la biogenesi mitocondriale. Oltre a migliorare i livelli di energia, è stato dimostrato che la pirrolochinolina chinone promuove la sintesi del fattore di crescita nervoso (NGF). Ciò può portare a una migliore crescita neuronale e a una migliore fertilità. Questa sostanza ha anche una serie di altri effetti benefici sulla salute umana. È stato dimostrato che migliora l’apprendimento e la memoria e può persino aumentare il tasso di neurogenesi. PQQ è anche un farmaco protettivo neurotrofico con prestazioni eccellenti e ha un grande potenziale nel trattamento del morbo di Parkinson e della demenza senile. Nel 2008, i ricercatori giapponesi hanno scoperto che l’aggiunta di PQQ alla dieta dei ratti era in grado di migliorare significativamente le loro capacità di apprendimento e memoria, suggerendo che PQQ può combattere per invecchiare.

PQQ può stimolare la rapida crescita di microrganismi, piante, animali e cellule umane, in particolare piante. Il PQQ è anche un fattore nutritivo essenziale per la crescita, lo sviluppo e la riproduzione degli animali. Il PQQ è ampiamente presente in una varietà di alimenti e nell’ambiente circostante e la dieta quotidiana può soddisfare pienamente la domanda del corpo di PQQ. Di solito è difficile osservare la carenza di PQQ negli animali o nell’uomo.

PQQ può rimuovere i radicali liberi in eccesso nel corpo e proteggere il corpo dal danno ossidativo: la sua capacità di rimuovere i radicali liberi è da 50 a 100 volte quella della vitamina C ed è la sostanza più potente con capacità antiossidante trovata finora.

Il PQQ può accelerare l’ossidazione dell’acetaldeide in acido acetico, riducendo la quantità di acetaldeide nel corpo, e verosimilmente il danno tossico causato dal consumo di alcol sul fegato. Il PQQ orale può ridurre efficacemente il contenuto di piombo nel sangue, nel cervello e nel fegato senza causare la perdita di elementi metallici benefici, zinco e rame. PQQ può anche promuovere una rapida guarigione delle ferite da sostanze radioattive. Inoltre, l’esperimento ha anche scoperto che PQQ può ridurre efficacemente il danno del metilmercurio alle cellule nervose.

Fonte naturale di PQQ

La più grande fonte naturale di PQQ è rappresentata dal “natto”, un alimento tipico dell’alimentazione giapponese, a base di fagioli di soia fermentati. Tuttavia, la concentrazione di questa sostanza negli alimenti è spesso troppo bassa, perciò se ne consiglia l’integrazione mediante nutraceutici.

Studi clinici, hanno dimostrato che la supplementazione 10mg/di di PQQ riduce alcune citochine pro-infiammatorie e la supplementazione di 20mg/di di PQQ migliora la funzione cognitiva e la circolazione cerebrale in pazienti con deficit cognitivi.

Ricercatori americani hanno riscontrato livelli di PQQ nel latte umano compresi tra 140 e 180 ng/ml. Concentrazioni così elevate di PQQ nel latte materno suggeriscono che potrebbe svolgere un ruolo cruciale nella crescita e nello sviluppo dei neonati.

Redazione amaperbene.it

AMAxBenE è l’acronimo di AliMentAzione per il BenEssere

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio