Pillole di Conoscenza

E’ il cloro a “orchestrare”’ il dialogo fra i neuroni

Pillola di conoscenza

E’ il cloro a “orchestrare”’ il dialogo fra i neuroni

A scoprire il ruolo del cloro è il gruppo di ricercatori coordinati da Andrea Barberis, all’interno dell’Unità di Synaptic Neuroscience del Dipartimento di Neuroscience and Brain Technologies (Nbt) dell’Istituto italiano di tecnologia di Genova.

Il team ha studiato ciò che avviene dietro le quinte della comunicazione tra sinapsi, individuando proprio nel cloro un messaggero intracellulare che determina l’avvicendamento di tipi diversi di recettori inibitori, regolando di conseguenza i livelli di attività elettrica del sistema nervoso centrale. Un risultato che “pone le basi per future soluzioni farmacologiche di malattie del cervello, quali per esempio autismo ed epilessia”.

Il gruppo di Barberis ha dimostrato che il cloro non agisce solo come inibitore e polarizzatore della cellula, caricandola elettricamente, ma anche come orchestratore dei recettori: la sua presenza intracellulare induce un cambiamento nel tipo di recettori Gaba.

Il Gaba è uno dei più importanti neurotrasmettitori con funzione inibitoria presenti nell’organismo e, insieme a quelli neurotrasmettitori inibitori ed eccitatori, garantisce il corretto funzionamento del sistema nervoso. E’ presente all’interno delle sinapsi in due sottotipi principali, uno che controlla il rilascio di correnti rapide e costanti nei circuiti neurali (come se scandisse un orologio interno, è il Gaba-a1), un altro che interviene nella modulazione di correnti lente e più influenzabili dall’ambiente biochimico circostante (è il Gaba-a3).  Quando un neurone bersaglio riceve il neurotrasmettitore Gaba-a, innesca processi di accumulo di carica elettrica negativa, aprendo lungo la membrana canali di passaggio per ioni di cloro. Tale accumulo porta la cellula in una situazione di stasi elettrica, cioè di inibizione del segnale neurale. La presenza di cloro induce un cambiamento del tipo di recettore Gaba, modificando di conseguenza il comportamento elettrico della cellula; il nuovo tipo di recettore instaurerà un’attività elettrica più lenta, che interferisce con l’orologio interno, scandito fino ad allora dal neurone e da tutta la rete ad essa collegato.

Succol F, Fiumelli H, Benfenati F, Cancedda L, Barberis A. Intracellular chloride concentration influences the GABAA receptor subunit composition. Nat Commun. 2012 Mar 13;3:738. doi: 10.1038/ncomms1744.

 

Redazione amaperbene.it

AMAxBenE è l’acronimo di AliMentAzione per il BenEssere

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio