Pillole di Conoscenza

Non esiste una sola obesità, ma almeno quattro diverse tipologie

Pillola di conoscenza

Non esiste una sola obesità, ma almeno quattro diverse tipologie

Non esiste una sola obesità, ma almeno quattro diverse tipologie. Comprendere per ciascun paziente quale sia il suo fenotipo aiuta a indirizzarlo al trattamento più efficace.

È questo uno dei dati emersi dal VI Congresso Nazionale della Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo (Sinuc) tenutosi a Roma dal 4 a 6 ottobre 2023.

L’obesità è una malattia cronica, recidivante, multifattoriale, la cui prevalenza continua ad aumentare in tutto il mondo. Secondo gli esperti Sinuc se ne possono individuare quattro tipi:

  1. cervello affamato: l’asse cervello-intestino induce un bisogno di maggiori calorie per raggiungere la pienezza e la sazietà;
  2. fame emotiva: il desiderio di mangiare serve a far fronte a emozioni positive o negative (comportamento edonico). Questa tipologia di obesità mostra livelli più elevati di ansia, depressione e alimentazione guidata dalle emozioni, oltre a livelli più bassi di autostima e una peggiore immagine corporea rispetto agli altri fenotipi.
  3. intestino affamato: si ha uno svuotamento gastrico più rapido. Le persone con fenotipo “intestino affamato” mostrano un più accelerato svuotamento gastrico, circa del 30% per i cibi solidi e del 22% per i liquidi nelle femmine mentre nei maschi lo svuotamento gastrico medio è accelerato del 38% per i solidi e del 33% per i liquidi. I soggetti quindi tendono ad alimentarsi più spesso.
  4. combustione lenta: è caratterizzata dalla diminuzione del tasso metabolico. I soggetti con fenotipo a “combustione lenta”, identificabili in un metabolismo rallentato, mostrano una massa muscolare inferiore e una minore predisposizione all’attività fisica.

L’eterogeneità tra i pazienti con obesità è particolarmente evidente nella risposta di perdita di peso agli interventi sull’obesità, come diete, farmaci, dispositivi e interventi chirurgici. È ormai assodato che l’approccio di diminuire l’apporto calorico e aumentare il movimento è inefficace e superato.

L’obesità è una forma di malnutrizione per eccesso ma ha una origine che riconosce fattori alimentari, genetici, emotivi, sociali, per cui risulta così difficile intervenire. Capire allora come e perché alcune persone accumulano peso, è uno degli obiettivi che si pongono gli scienziati allo scopo di scardinare il meccanismo patologico e trovare strategie per riportare al peso considerato normale. Identificare i fenotipi di obesità basati sulla fisiopatologia e sul comportamento può infatti portare a interventi mirati, personalizzati, e quindi più efficaci e migliorare i risultati di perdita di peso.

foodandtec.com

Redazione amaperbene.it

AMAxBenE è l’acronimo di AliMentAzione per il BenEssere

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio