IN PRIMO PIANOPillole di Conoscenza

L’EFSA presenta PreDQ, il nuovo modello di analisi per la celiachia

Pillola di conoscenza

L’EFSA presenta PreDQ, il nuovo modello di analisi per la celiachia

Gli esperti scientifici dell’EFSA hanno studiato le cause della celiachia e hanno elaborato uno strumento per lo screening delle proteine presenti negli alimenti e negli ingredienti alimentari che potrebbero causare i sintomi nei pazienti. Tali strumenti potrebbero essere utili anche in vari ambiti della sicurezza alimentare.

In particolare, il professor Frits Koning, esperto di celiachia e membro del gruppo di lavoro dell’EFSA che contribuisce a valutare l’allergenicità delle piante geneticamente modificate (GM), ha rilevato che “i pazienti celiaci hanno tutti in comune una o due molecole chiamate HLA-DQ2 e HLA-DQ8. Si tratta di recettori che legano efficacemente tra loro i frammenti di proteine di glutine. Questo legame permette il riconoscimento del frammento di glutine da parte del sistema immunitario, scatenando la celiachia”. “Nel nostro gruppo di lavoro – afferma Koning – abbiamo sviluppato un modello matematico e un’applicazione per prevedere il modo in cui il glutine degli alimenti si lega a questi recettori, noto come legame peptidico. Il modello ci permette di valutare le proteine di piante, animali o microrganismi utilizzate nei nostri alimenti prima di includerle nella dieta”.

Lo strumento sviluppato dall’EFSA si chiama preDQ e può essere utilizzato su qualsiasi proteina destinata all’alimentazione.

Chiarisce il professor Koning: “Utilizziamo lo strumento per esaminare la sequenza aminoacidica primaria della proteina onde prevedere se il legame tra i frammenti della proteina avrà luogo o meno. Se lo strumento predice la possibilità del legame, la proteina può rappresentare un rischio per i pazienti celiaci”.

Gli esperti dell’EFSA utilizzano ora il preDQ nelle loro valutazione delle piante GM ma potenzialmente potrebbe essere utilizzato per lo screening di qualsiasi proteina, ad esempio nei nuovi alimenti, negli enzimi di alimenti e mangimi, nei contaminanti e negli alimenti o mangimi GM. Lo strumento potrebbe essere utilizzato anche al di fuori dell’EFSA dai produttori per analizzare in anticipo le piante coltivate ottenute con tecniche di miglioramento genetico.

Lo strumento potrebbe essere utilizzato anche al di fuori dell’EFSA dai produttori per analizzare in anticipo le piante coltivate ottenute con tecniche di miglioramento genetico.

Atti scientici di riferimento: preDQ, software tool for peptide binding prediction to HLA‐DQ2 and HLA‐DQ8 - Guidance on allergenicity assessment of genetically modified plants

Redazione amaperbene.it

AMAxBenE è l’acronimo di AliMentAzione per il BenEssere

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio