0
Altri Vegetali Dal Mondo Vegetale

Origano Cretico | Origanum Onites

Origanum onites, noto anche come origano cretico, origano turco, pot marjoram e rίgani in lingua greca (Ελληνική ρίγανη), è una pianta è erbacea perenne della famiglia delle Labiatae, conosciuto come maggiorana comune; si coltiva per il caratteristico odore aromatico simile a quello della maggiorana bianca.

Pianta del genere Origanum  si trova in Sicilia (solo nella zona di Catania e Siracusa), Grecia e Turchia. Ha un sapore simile a quello dell’origano e il suo olio essenziale è distinguibile da quello di altre specie come ad esempio l’origano greco (Origanum vulgare ssp. hirtum) ed ha capacità antimicrobiche.

Il termine Origanum viene dal greco ὄρος óros monte e da γάνος gános ornamento, piacere: splendore del monte, riferimento all’habitat naturale; il termine onites viene dal greco ὄνος ónos asino: degli asini.

L’Origanum onites ha fusto eretto, legnoso alla base, ramoso-corimboso nell’infiorescenza, con fitti peli papillosi di 0,1-0,2 mm e sparse setole patenti di 1,0-1,5 mm. Foglie sessili o quasi ovate o subrotonde (4-9 x 7-9 mm), troncate o cordate alla base. Spighe dense, ovate (5-6 x 7-9 mm); brettee ovali rombiche, le inf. di 3 x 4,5 mm, cigliate sul bordo; calice 2-3 mm; corolla bianca (gialla nel secco). Cresce su rupi, muri, incolti aridi da 0 a 300 m. Fioritura: da giugno a settembre.

L’origano onite è noto anche per le sue proprietà medicinali avendo un contenuto di fenoli, timolo e carvacrolo. L’olio essenziale contiene sostanze dall’azione sedativa, antireumatica, antispastica e carminativa. In erboristeria è consigliato in caso di disturbi digestivi, dolori muscolari, infezioni respiratorie come laringite, tosse ecc.

L’Origanum onites si utilizza in cucina come aromatizzante, soprattutto d’inverno, in mancanza della maggiorana gentile. Le foglie vengono utilizzate sia fresche che secche. Si raccolgono le foglie e le estremità all’inizio della fioritura e vengono fatte essiccare in un luogo ombroso e ventilato. Ha un aroma e sapore inferiore all’Origano officinale. E’ particolarmente adatto nella salsa di pomodoro, sulla pizza, nelle grigliate, nei formaggi, nelle insalate di pomodori, per conservare ortaggi sotto olio e sotto aceto. L’Origano onite, essiccato, va aggiunto a fine cottura in modo che possa mantenere tutte le sue proprietà aromatiche. Unito a Basilico, Timo e Rosmarino sostituisce il sale.  Ha un gusto più delicato dell’Origano officinale.

Articoli correlati